Skip to content


Grecia. Tra il male e il peggio c’è chi sceglie la libertà

da: http://anarresinfo.noblogs.org/2012/02/12/grecia-tra-il-male-e-il-peggio-c%E2%80%99e-chi-sceglie-la-liberta/

 

Domenica 12 febbraio. In un clima di nervosa attesa, mentre ad Atene stavano per cominciare le manifestazioni intorno al Parlamento che questa notte potrebbe approvare un nuovo durissimo piano di tagli alla sanità, ai salari, alle pensioni, abbiamo discusso con Massimo Varengo, compagno di Milano che conosce bene la situazione greca e il movimento anarchico di quel paese, delle prospettive di un movimento di opposizione popolare ben deciso a non ingoiare il rospo imposto dalla trojka (FMI, BCE, UE).
Mentre scriviamo Atene brucia: gli scontri intorno al Parlamento sono durissimi, la polizia spazza la piazza con cariche e lacrimogeni, i dimostranti rispondono con pietre, bombe carta e molotov.
La ricetta proposta dal premier Papademos, il tecnocrate chiamato ad eseguire i diktat europei, è particolarmente dura. Papademos, sostenuto in maniera bipartisan dai due principali partiti greci, la conservatrice Nea Democratia e i socialisti del Pasok, vuole servire ai greci altri durissimi sacrifici. Il paese è ormai allo stremo: in alcuni ospedali la gente deve portare da casa aghi e carta igienica, i pronto soccorso straripano di gente che non può pagare il medico di base, la disoccupazione è alle stelle.
Il piano che con ogni probabilità verrà approvato questa notte prevede una radicale riforma del mercato del lavoro, con una profonda deregulation, una diminuzione di oltre il 20% del salario minimo garantito e un taglio delle pensioni. In vendita le quote pubbliche in petrolio, gas e acqua.
È significativo che in questi stessi giorni anche in Spagna dopo la riforma laboral imposta dal governo di Mariano Rajoy, a Madrid ci siano state manifestazioni sfociate in scontri con la polizia.
In Italia Monti si sta accingendo a varare misure analoghe, tentando approcci – poi smentiti con la segretaria CGIL Camusso – per un passaggio morbido delle misure.
Papademos sta sostenendo che la scelta è tra il male e il peggio. Ormai da tempo i lavoratori greci rifiutano la scelta e optano per la libertà.
Assediando il parlamento ma non solo. In alcune località come la cittadina di Kirkis, a 80 chilometri da Salonicco, i lavoratori dell’ospedale locale hanno deciso di autogestire la struttura con criteri di condivisione e solidarietà.
Ascolta l’intervista a Massimo Varengo

Aggiornamento al 13 febbraio. Tutti i giornali definiscono gli anarchici teppisti, black bloc, devastatori. Ma alcuni sono stati costretti ad ammettere che la notte di rivolta che ha accompagnato il voto parlamentare sui tagli di 3,3 miliardi di euro è stata sostenuta e appoggiata dalla popolazione.
Lo scrive Il Giornale:  “sostenuti dalla popolazione, stanca dei continui tagli a pensioni e salari”. E La Stampa nell’edizione on line della notte scrive che gli anarchici sono “accolti dagli applausi della piazza”; nell’edizione di questa mattina la notizia scompare. Nonostante questo il reportage racconta di una popolazione decisa a restare in piazza, nonostante lacrimogeni, manganellate e idranti.

Posted in Anarchismo, Generale, Internazionale, Lavoro.

Tagged with , , , , , , , , , , , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.