Skip to content


Solidarietà ai 5 lavoratori portuali ALP licenziati!

Solidarietà ai 5 lavoratori portuali ALP licenziati!

A Livorno cinque lavoratori portuali di ALP (Agenzia per il Lavoro in Porto) nella giornata di venerdì 22 giugno hanno ricevuto lettera di licenziamento. Lo ha reso noto Unicobas porto in un comunicato. Il provvedimento, precisa il sindacato, ha motivazioni del tutto inammissibili e pretestuose, è stato dunque proclamato lo stato di agitazione e sono state annunciate iniziative di lotta per ottenere il reintegro dei lavoratori. Il sindacato di base ha convocato una conferenza stampa prevista per martedì 26 giugno, durante la quale verranno esplicitate le motivazioni del provvedimento e le azioni di lotta che verranno intraprese, azioni a cui tutte e tutti, lavoratori, studenti, disoccupati, sono chiamati a partecipare per dare solidarietà e sostegno.

Noi che viviamo in questa città, che conosciamo questi lavoratori, che abbiamo visto crescere l’esperienza di Unicobas in un settore difficile come quello del lavoro portuale, monopolizzato da politiche monolitiche e settarie, possiamo dire già da ora che con questo provvedimento si vuole colpire un’esperienza di sindacalismo di base realmente alternativa alle politiche di sfruttamento che nel settore trasporti sono particolarmente aspre. Con questo provvedimento si vanno a colpire lavoratori sindacalmente attivi che sul posto di lavoro si sono sempre battuti con decisione e tenacia per l’estensione dell’occupazione, per la pratica della solidarietà, per il rispetto delle norme di sicurezza; quella sicurezza che viene quotidianamente messa da parte e sacrificata in nome del profitto. Il settore della movimentazione merci e del trasporto marittimo ha un conto costantemente aperto con le vittime della mancata sicurezza, anche nel porto di Livorno. Il licenziamento è un’arma di repressione e di intimidazione nelle mani dei padroni, tanto più inaccettabile se rivolta contro chi si batte per la tutela dei lavoratori. Non lo accettiamo e sosterremo con forza tutte le iniziative volte al ritiro del provvedimento. Se colpiscono uno colpiscono tutti. Se colpiscono cinque colpiscono cinque volte tutti.

Federazione Anarchica Livornese

Collettivo Anarchico Libertario

Posted in Anarchismo, Generale, Iniziative, Lavoro.

Tagged with , , , , , , , , , , .


Licenziati 5 portuali ALP a Livorno

Stato di agitazione nel porto di Livorno da venerdì 22 giugno quando sono stati licenziati 5 lavoratori portuali della ALP (Art. 17). In un breve comunicato Unicobas riporta: “Oggi sono pervenute a 5 lavoratori di ALP lettere di licenziamento con motivazioni pretestuose e inammissibili. L’Unicobas proclama subito lo stato di agitazione e percorrerà tutte le strade possibili perché i lavoratori licenziati vengano reintegrati nel loro posto di lavoro”

Di seguito il comunicato del sindacato Unicobas e l’articolo del quotidiano locale Il Tirreno del 24 giugno

 

Posted in Generale, Lavoro.

Tagged with , , , , , , .


Rafforziamo la solidarietà! Rovesciamo il razzismo e lo sfruttamento!

volantino distribuito alla manifestazione del 20 giugno a Livorno organizzata dal Coord. Fight/Right

Rafforziamo la solidarietà

Rovesciamo il razzismo e lo sfruttamento

La propaganda contro l’immigrazione usata da chi governa è fatta di frasi semplici e violente, sono i vecchi modelli propagandistici fondati sull’idea che le masse sono ignoranti e controllabili. Ma sappiamo bene che chi impone la disoccupazione, lo sfruttamento e la miseria è chi ha governato e chi governa oggi il paese.

Con la strada spianata dal PD di Renzi e di Minniti infatti il nuovo governo Lega – Movimento 5 Stelle guidato da Giuseppe Conte difenderà gli interessi dei potenti, degli industriali, dei capitalisti, dei finanzieri, dei militari. Per questo l’Italia è in guerra in Africa, per questo il governo vuole chiudere i porti a naufraghi e profughi. Perché ci vuole divisi, tra “italiani” e “stranieri” per poterci sfruttare meglio.

Con le dichiarazioni arroganti e aggressive di queste settimane contro Rom, profughi e migranti, il governo Lega-Movimento5Stelle sta preparando le condizioni per imporre nuovi provvedimenti autoritari e razzisti. Una situazione simile fu creata per permettere la stretta autoritaria di Maroni tra 2008 e 2009 che impose i militari nelle strade, i CIE, il reato di clandestinità, e altre misure repressive volte a criminalizzare il dissenso e a spezzare la solidarietà tra gli sfruttati. Questo venne fatto anche attraverso l’imposizione di speciali e specifiche forme di oppressione e sfruttamento per gli “stranieri”. Dopo questi provvedimenti, nel 2011, lo stato italiano bombardò la Libia, dando inizio ad una nuova fase della sua politica coloniale in Africa. Una linea che il PD stando al governo ha proseguito, imponendo i provvedimenti Minniti-Orlando e avviando le nuove missioni militari in Libia, Niger e Tunisia.

Oggi la vicenda Aquarius è emblematica. Come i governi precedenti in altre occasioni, ad esempio con le navi Cap Anamur (2004) e Pinar (2009), oggi il governo con la Aquarius ha giocato con la vita delle persone per gestire le trattative con altri stati, e per dimostrare a livello nazionale e internazionale l’approccio militare e autoritario con cui intendono condurre l’attività di governo. Proprio a partire dalla chiusura del governo italiano sulle navi delle ONG si torna a parlare a livello europeo di aprire in Africa centri di identificazione profughi, ciò significherebbe nuovi campi di segregazione ma anche nuove guerre, perché la “lotta ai trafficanti di uomini” non è che un modo per legittimare gli interventi militari degli stati europei in Africa.

Per respingere il razzismo del governo, per la libertà di movimento, chiudiamo i CPR e tutti i nuovi campi di concentramento e segregazione! per la solidarietà tra gli sfruttati, prendiamo in mano le nostre vite, lottiamo fianco a fianco per la liberazione sociale.

Collettivo Anarchico Libertario

Federazione Anarchica Livornese

Posted in Anarchismo, Antirazzismo, Generale, Iniziative, Lavoro, Repressione.

Tagged with , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .


Apriamo i porti, abbattiamo le frontiere!

Apriamo i porti,

abbattiamo le frontiere!

 
I ministri Salvini e Toninelli hanno deciso di chiudere i porti alla nave Aquarius che voleva trovare in sicilia un porto sicuro per completare il salvataggio di 629 naufraghi. Hanno deciso di fare, sulla pelle di 629 persone, una prova di forza per dimostrare a livello nazionale e internazionale, l’approccio militare e autoritario con cui intendono condurre l’attività di governo. Come i governi precedenti in altre occasioni, come con le navi Cap Anamur e Pinar, oggi questo governo con la Aquarius gioca con la vita delle persone per gestire le trattative con altri stati e per creare le condizioni per imporre nuovi provvedimenti autoritari e razzisti.
 
La propaganda contro l’immigrazione usata da chi governa è fatta dai frasi semplici e violente, sono i vecchi modelli propagandistici fondati sull’idea che le masse sono ignoranti e controllabili. Ma sappiamo bene che chi impone la disoccupazione, lo sfruttamento e la miseria è chi ha governato e chi governa oggi il paese.
 
Con la strada spianata dal PD di Minniti infatti il nuovo governo Lega – Movimento 5 Stelle guidato da Giuseppe Conte difenderà gli interessi dei potenti, degli industriali, dei capitalisti, dei finanzieri, dei militari. Per questo l’Italia è in guerra in Africa, per questo il governo vuole chiudere i porti a naufraghi e profughi. Perché ci vuole divisi, tra “italiani” e “stranieri” per poterci sfruttare meglio.
 
Per respingere il razzismo del governo, per la libertà di movimento, per la solidarietà tra gli sfruttati.
 
Federazione Anarchica Livornese – federazioneanarchica.org
Collettivo Anarchico Libertario – collettivoanarchico.noblogs.org

 

Posted in Anarchismo, Antirazzismo, Generale, Internazionale, Repressione.

Tagged with , , , , , , , , , , , , .


Contro tutti gli eserciti, contro tutti i governi: azione diretta!

Alcune foto del presidio di venerdì 1 giugno

Posted in Anarchismo, Antimilitarismo, Generale, Iniziative.

Tagged with , , , , , , , , .


In piazza contro tutti gli eserciti e contro tutti i governi!

Presidio venerdì 1 giugno dalle ore 17:30

in Via Grande, angolo via del Giglio

 

2 giugno: No al militarismo – No alla guerra!

Il 2 giugno, festa della Repubblica, si celebra con parate militari e sfoggio di armi.
Lo scontro degli ultimi mesi per la formazione di un nuovo governo mostra la lotta per il potere in corso all’interno della classe dirigente, per il controllo di istituzioni la cui rappresentatività è in crisi dopo anni di intense politiche antiproletarie. La “volontà del popolo” a cui hanno fatto appello Di Maio e Salvini non esiste, non è che una manciata di voti, qualche migliaio in più della metà di quelli che sono andati a votare. Dall’altro lato la “responsabilità” di Mattarella dimostra ancora una volta che il potere si esercita con atti autoritari e rapporti di forza. È bastato spostare qualche pedina per dare una poltrona a tutti e fare un nuovo governo. Sappiamo che solo prendendo in mano le nostre vite e lottando in prima persona fuori dal gioco delle parti elettorale e istituzionale possiamo cambiare le cose. Nessun governo lo farà al posto nostro. Ogni governo si impegnerà a garantire la stabilità di questo ordine sociale basato sulla sopraffazione e l’ingiustizia, con ogni mezzo, anche con la guerra.

Grandi manovre all’ombra del (non) Governo
Mentre in Italia la crisi politica si sta avvitando, lo Stato italiano aumenta la sua partecipazione alla militarizzazione dell’Unione Europea. Alla fine del 2017, gli Stati membri dell’Unione Europea decidono di costituire una struttura di comando militare europea sotto l’acronimo di PESCO (Permanent Structured Cooperation). Il mito di un’Unione Europea fondata sull’impegno per la pace mondiale nasconde i veri caratteri di questa struttura. PESCO è il primo nucleo di un esercito europeo; perché appare oggi, qual è il suo scopo, qual è il ruolo dell’Italia? Dietro la costituzione di PESCO c’è la spinta della NATO affinché le spese militari degli stati europei aumentino, per poterne controllare l’orientamento, specie nella ricerca militare e nell’acquisto nuovi armamenti. Inoltre PESCO collabora strettamente con la NATO in tutte le attività collegate al militare.
Un’alleanza ferrea nelle varie zone del mondo come in Italia, dove le basi militari come Camp Darby vengono estese aumentando il rischio per la popolazione e la presenza di armi e truppe sul territorio, reso di fatto un obiettivo militare

L’Unione Europea mette le mani sull’Africa
Il processo di Karthoum è un accordo tra gli stati membri dell’Unione Europea e molti paesi africani. L’obiettivo è trasferire in Africa le frontiere dell’UE, con presenze militari e di polizia. La scusa per questa operazione è l’emergenza migranti e il blocco delle partenze. In realtà si tratta di un intervento militare in Africa per difendere le fonti di materie prime (coltan, diamanti, petrolio) e i mercati di sbocco dall’influenza di altri paesi imperialisti, in primo luogo la Cina.

Il coinvolgimento dell’Italia
Lo scorso 17 gennaio la Camera dei Deputati ha approvato, nel silenzio dei media, l’inizio di nuove missioni militari in Africa – 118 milioni, circa 1000 soldati e 200 mezzi militari . Raddoppierà in questo modo la presenza militare italiana in Africa, cresciuta moltissimo dopo il 2011, quando l’Italia ha aggredito la Libia con bombardamenti aerei. Le missioni in Tunisia e Niger sono in stallo, ma in Libia già da tempo sono presenti le truppe italiane per difendere gli interessi dei padroni del petrolio e partecipare al saccheggio neocoloniale della regione. Una presenza che si inquadra negli obiettivi dell’Unione Europea e della NATO.
Le forze politiche che hanno basato la loro proposta elettorale sul “prima gli italiani” e “aiutiamoli a casa loro” (dal PD alla Lega passando per i 5Stelle) alimentano contemporaneamente il razzismo e la politica estera imperialista e guerrafondaia dell’Italia e dell’Unione Europea.
E in un clima di crisi politica la crescente militarizzazione della società e l’aumento delle spedizioni militari all’estero vengono gestiti come normale amministrazione, così come è normale amministrazione lo sfruttamento e l’ingiustizia sociale che la macchina dello stato continua a produrre. Opponiamoci a tutto questo!

CONTRO TUTTI I GOVERNI ! CONTRO TUTTI GLI ESERCITI !

Federazione Anarchica Livornese

cdcfedanarchicalivornese@virgilio.it

Collettivo Anarchico Libertario

collettivoanarchico@hotmail.it

Posted in Anarchismo, Antimilitarismo, Generale, Iniziative.

Tagged with , , , , , , , , , , , , , , , , , .


Contro tutti gli eserciti, contro tutti i governi!

Contro tutti i governi! contro tutti gli eserciti!
Presidio antimilitarista
1 giugno a Livorno
ore 17:30
Via Grande, angolo Via del Giglio

Posted in Anarchismo, Antimilitarismo, Generale, Iniziative, Internazionale, Repressione.

Tagged with , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .


Libere e autodeterminate: oltre la legge 194

rieviamo e pubblichiamo

Libere e autodeterminate: oltre la legge 194

NonUna di Meno Livorno organizza per venerdì 25
Presidio informativo Via Grande angolo Via del Giglio alle ore 17,30
 
a seguire apericena al “Refugio” – Scali del Refugio 8.
 
La legge 194, nata sulla scia delle lotte femministe, ottenne quarant’anni fa che le donne non fossero più costrette all’aborto clandestino, che l’aborto non fosse più un reato per cui si andava in galera, che chi sceglieva di abortire potesse farlo con la dovuta assistenza sanitaria, nelle strutture pubbliche.
 
Frutto del compromesso politico con i cattolici e i settori più reazionari,
porta con sé molti limiti, che ne ostacolano l’efficacia:
 
l’obiezione di coscienza ha una media nazionale del 70%
con punte del 90% in alcune regioni del sud;
 
l’aborto farmacologico con la RU486 è somministrato da pochi ospedali
e in modo limitato;
 
il progressivo smantellamento dei consultori dovuto a disinvestimento economico e tagli alla sanità pubblica rende difficile una adeguata gestione della salute sessuale delle donne.
 
Una marea di motivi per essere in piazza
 
Quello che fu conquistato quarant’ anni fa da una grande stagione di lotte: molto più di una legge. È la coscienza che la scelta sui nostri corpi è solo nostra.
 
Queste giornate non sono una celebrazione del passato né una difesa dell’esistente. Sono un momento di mobilitazione, sono un grido di rivendicazione.
Siamo una forza che ritorna, che attraversa le piazze. Ora come allora

Posted in Antisessismo, Iniziative.

Tagged with , , , , , .


Livorno 25 maggio: per la libertà di scelta!

Livorno 25 maggio: per la libertà di scelta!

Quarant’anni fa una grande stagione di lotte costrinse lo Stato a depenalizzare l’aborto. Le donne nelle piazze affermavano principi di libertà, nelle varie strutture autogestite costruivano esperienze di autodeterminazione.

La libertà di scelta sul proprio corpo è stata affermata come valore collettivo e come pratica di solidarietà in grado di rompere le segregazioni di classe, non come principio egoistico e borghese.
La legge che regolamentò l’aborto cercò di porre fine a queste esperienze di libertà, ponendo l’autodeterminazione della donna sotto la tutela degli esperti, medici, psicologi, magistrati; cercò di vanificare il nuovo diritto con l’obiezione degli operatori sanitari, ma la vigilanza delle donne ha bloccato le manovre reazionarie.
Oggi la violenza contro le donne assume anche la forma dell’attacco all’interruzione volontaria della gravidanza, ed in prima fila ci sono le organizzazioni clericali e fasciste.
Le anarchiche e gli anarchici sostengono le lotte per l’autodeterminazione, la difesa e l’allargamento degli spazi di libertà, contro ogni forma di violenza e contro il patriarcato.
Per questo sosteniamo le iniziative organizzate da NonUnaDiMeno e partecipiamo al presidio indetto per venerdì 25 maggio.
FEDERAZIONE ANARCHICA LIVORNESE
cdcfederazioneanarchica@virgilio.it
federazioneanarchica.org
COLLETTIVO ANARCHICO LIBERTARIO
collettivoanarchico@hotmail.it
collettivoanarchico.noblogs.org
“Quando il potere legislativo ed il governo accettano e soddisfano sotto forma di legge o di decreto qualche nuova domanda sorta dalla coscienza pubblica, ciò è sempre in seguito a reclami innumerevoli, ad agitazioni straordinarie, a sacrifici non indifferenti del popolo. E quando i governanti si sono decisi a dire di sì, a riconoscere un diritto nei loro sudditi, e mutilato ed irriconoscibile, lo promulgano nelle carte, nei codici, quasi sempre quel diritto è già sorpassato, l’idea è già vecchia, il bisogno pubblico di quella tal cosa non è più sentito; e la nuova legge serve allora a reprimere altri bisogni più urgenti che si affacciano, che devono attendere di essere sterilizzati, ipertrofici, prima di essere riconosciuti da una legge successiva.”
(Pietro Gori)

Posted in Anarchismo, Femminismo e Genere, Generale, Iniziative.

Tagged with , , , , , , , , , , , .


Braccialetti di classe, il controllo sui lavoratori

Braccialetti di classe

“Lavoratore produttivo è colui che aumenta direttamente la ricchezza del padrone” (Malthus, Principles of Political Economy).

I braccialetti elettronici, che la ditta appaltatrice imporrà agli spazzini di Pisa e Livorno, ci dicono molte cose: su questi lavoratori, sull’internet delle cose, sul ruolo delle amministrazioni locali.

I braccialetti elettronici

Come sostiene il periodico livornese “Senza Soste” (http://www.senzasoste.it/aamps-amazon-vergogna/), l’Avr-Manutencoop, alleanza di imprese che ha in appalto la pulizia delle strade nelle due città, “ha sviluppato un sistema informativo di gestione per assegnare i compiti aziendali e, sul suo sito, afferma di implementare sistemi Iot (internet delle cose, in poche parole internet legata a oggetti di ogni tipo dal frigorifero ai lampioni a strumenti di lavoro) per (testuale) “avere un controllo in tempo reale su cassonetti, automezzi e altre strutture”.”. Il braccialetto elettronico imposto agli spazzini Avr lega il lavoratore ai mezzi di produzione, automezzi, cassonetti e altri strumenti, che fanno parte del processo di produzione immediato, processo di cui questo lavoratore è la parte animata.

Condividiamo le critiche di Senza Soste sulla pericolosità e vergogna di questo strumento e ci auguriamo che le organizzazioni dei lavoratori siano in grado di imporre nuove e migliori condizioni di lavoro. La critica rivoluzionaria, comunque, deve spingersi oltre la denuncia del singolo fatto, per quanto aberrante ed individuare i nessi sociali che determinano il carattere antagonistico di ogni innovazione tecnologica.

Nel caso specifico il sistema adottato consente al lavoratore di individuare subito i cestini da svuotare, con un aumento del ritmo di lavoro; alla fine il lavoratore avrà svuotato più cestini, sarà stato più redditizio per Avr, a parità di paga, anche se la funzione di controllo non è in primo piano per la dirigenza aziendale.

L’Avr-Manutencoop è un’alleanza di imprese, che ha preso in appalto un servizio dal gestore del servizio dell’igiene urbana. Il carattere di servizio dell’attività svolta non incide sul fatto che ci troviamo all’interno del processo di produzione; infatti merci sono tutti i prodotti, beni o servizi, destinati ad essere venduti. Attraverso il contratto di appalto una parte, l’appaltatore (in questo caso l’Avr), assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, l’obbligazione di compiere in favore di un’altra (committente o appaltante) un’opera o un servizio in cambio di un corrispettivo in denaro. L’Avr-Manutencoop diventa così il capitalista che, in quanto rappresentante del capitale produttivo, dirige e sfrutta il lavoro produttivo, in modo che, alla conclusione del contratto, il capitale anticipato frutti un capitale accresciuto e lavoratori diventano i salariati della fabbrica dell’igiene urbana.

Per quanto disseminata sul territorio, l’internet delle cose permette di implementare il comando capitalista all’interno dei mezzi di lavoro e trasformare gli autocarri, i cassonetti e tutte le strutture impiegate dai lavoratori in strumenti che impiegano lavoro vivo, che assorbono lavoro vivo, che succhiano la linfa vitale dei lavoratori per dare la vita al mostro inanimato del lavoro morto, del capitale.

Qual è la condizione sociale dei dipendenti Avr? Per quanto il servizio da loro fornito sia simile a quello dei vecchi dipendenti della municipalizzata, è profondamente diverso per lo scopo, che per questi era assicurare la pulizia della città, mentre per quelli è assicurare un profitto crescente ad Avr. Per quanto i lavoratori di Avr siano disseminati sul territorio, per quanto il rapporto giuridico possa essere precario e differenziato da dipendente e dipendente, il fatto di essere trasformati in appendici viventi dei mezzi di produzione, in accessori della fabbrica dell’igiene urbana, li fa assomigliare molto di più agli operai della grande fabbrica automatica.

Che cosa caratterizza l’operaio all’interno del processo produttivo capitalistico? Se bastassero “le man callose e il volto abbronzato”, anche Patrizio Bertelli, CEO di Prada, al ritorno da una settimana di regate, potrebbe essere scambiato per un operaio. Anche il lavoro manuale va scomparendo, man mano che l’operaio viene trasformato in semplice sorvegliante, accessorio del complesso automatico di macchine. Quindi i tratti caratteristici della condizione operaia, anche nella condizione attuale sono: la produzione plusvalore e la condizione di dipendenza del lavoratore, dipendenza non dall’organizzazione aziendale, più o meno basata sul merito e sulla professionalità, ma dal ritmo incessante del macchinario, che sottomette le esigenze vitali del lavoratore ad una razionalità astratta, basata sull’applicazione della matematica e delle scienze al processo produttivo, che trasforma la sete di profitto dell’azienda capitalista in una razionalità apparentemente imparziale.

Se noi astraiamo quindi dal processo lavorativo particolare, concentriamo la nostra attenzione sul processo di valorizzazione e sul rapporto tra lavoratore e mezzi di produzione, il passaggio da lavoratori dipendenti di una municipalizzata a lavoratori dipendenti di un’azienda capitalistica provoca l’aumento del numero degli operai.

Il capitalista, dal suo apparire, pone il processo lavorativo sotto il suo comando e controllo: la sorveglianza e la disciplina imposta dal capitalista intervengono affinché il lavoratore esegua il suo lavoro con assiduità, che non ci siano sprechi nella materia prima o nei mezzi di lavoro. Prima che la fabbrica automatica imponga agli operai i ritmi dettati dal macchinario, questa disciplina viene imposta dal capitalista attraverso una gerarchia che non si basa sulle abilità professionali, ma sulla capacità di controllare i subordinati e sulla fedeltà al proprietario, composta da capi reparto, capisquadra, marcatempo, sorveglianti e guardie, oltre alle spie e ai crumiri. È con questi manutengoli che si esprime l’arroganza del padrone a chi varca per la prima volta il cancello della fabbrica.

L’internet delle cose, oltre ad umiliare i lavoratori, suona la campana a morto per questi rappresentanti del capitalista: Avr non avrà più bisogno di un ispettore che giri la città controllando il lavoro svolto dagli operai: questi quadri intermedi saranno ricacciati, prima o poi, nella grande massa degli operai, se non dei disoccupati.

Quanto avviene nella raccolta rifiuti, tra Avr e lavoratori, non è comunque una cosa che riguarda solo loro: l’ente appaltante, in questo caso il Comune di Livorno, che appalta ad Aamps, che a sua volta appalta ad Avr, ha una responsabilità diretta: spetta al sindaco vigilare affinché l’appaltatore rispetti la dignità degli operai. Oltre che sindacale, quindi, la questione dei braccialetti agli spazzini diventa questione immediatamente politica. Dimostra ancora una volta che il culto della legalità e della democrazia è incapace di dare ai lavoratori strumenti di lotta contro le prepotenze dei capitalisti.

Tiziano Antonelli

Articolo pubblicato sul settimanale anarchico Umanità Nova

Umanità nova si può trovare a Livorno:

Edicola P.zza Grande (angolo via Pieroni)
Edicola Via Garibaldi 7
Edicola P.zza Damiano Chiesa
Edicola Porto (Piazza Micheli lato Quattro Mori)
Edicola viale Carducci angolo Viale del Risorgimento
Edicola Dharma – viale di Antignano
Bar Dolcenera via della Madonna 38
Pub “Birra Amiata House” – via della Madonna, 51
Federazione Anarchica Livornese – via degli Asili 33

Posted in Anarchismo, Generale, Lavoro, Repressione.

Tagged with , , , , , , , , , .