Skip to content


Corteo studentesco regionale del 20 febbraio

CORTEO STUDENTESCO REGIONALE
FIRENZE-20FEBBRAIO
 


Venerdì 20 Febbraio si è tenuto a
Firenze un corteo lanciato dalle realtà autorganizzate degli studenti
toscani, alla fine del quale è stato occupato il Liceo Castelnuovo dove
si è tenuta un Assemblea Regionale.

Venerdì 20 febbraio, a Firenze, alcune centinaia di studenti sono scese
in piazza per il corteo regionale lanciato delle realtà studentesche
autorganizzate della Toscana.

Sebbene i numeri siano stati prevedibilmente ben distanti dalle
mobilitazioni di ottobre, il corteo è riuscito nel suo intento di
riportare nelle strade la lotta degli studenti, che da anni non
scendevano in piazza nel non facile periodo successivo alle vacanze di
fine anno, oltre che in quello di auto-organizzare la mobilitazione,
costruendola dal basso in autonomia da partiti e sindacati.

Proprio mentre questi ultimi non fanno che fingere di continuare la
lotta a forza di comunicati e “blablabla”, utili solo a farsi un po’ di
pubblicità ma totalmente inutili alla reale trasformazione della realtà
presente, gli studenti scesi in piazza il 20 hanno deciso di continuare
ad Agire, con la stessa rabbia e la stessa determinazione di ottobre.

E’ così che arrivati in Piazza Santissima Annunziata, gli studenti
hanno continuato il corteo verso il liceo Castelnuovo, eludendo la
celere, prima colta di sorpresa e poi bloccata dai cordoni: qualche
schiaffo e qualche calcio prima di rassegnarsi al fatto che il corteo
ormai è (ri)partito e avanza determinato.

Il corteo arriva prima della celere, che intanto la Digos invitava
istericamente a raggiungere il Castelnuovo. Il corteo entra nella
scuola e si dirige in palestra, luogo più idoneo allo svolgimento della
preannunciata Assemblea Regionale di fine corteo. All’assemblea sono
intervenuti studenti di Firenze, Prato, Empoli, Livorno e Pisa.

La questura, che dopo aver fatto di tutto per limitare nei giorni
scorsi il percorso del corteo negando una dopo l’altra le richieste di
autorizzazioni ora si trova con un scuola occupata dopo un corteo non
autorizzato, decide di mostrare i muscoli: diverse camionette e volanti
di Polizia e Carabinieri si appostano nei pressi dell’istituto in
compagnia di una ventina di uomini (?) della Digos.

Al termine dell’Assemblea, gli studenti rimasti all’interno, rimasti
isolati in Palestra dopo che il preside ha fatto chiudere la porta che
la collegava al resto della scuola (e rimasti quindi anche senza
bagni…), sono costretti a barricarsi dentro, dopo un tentativo della
Digos di entrare nella palestra.

Viene minacciato lo sgombero con l’uso della celere, che intanto era stata spostata in San Marco “in attesa di ordini”.

Verso le ore 5 del pomeriggio, gli occupanti rimasti all’interno
decidono di abbandonare l’occupazione uscendo compatti dalla palestra,
e dirigendosi in un ulteriore corteo verso la facoltà di Lettere.

Che i giornali dicano pure quello che vogliono: tenendo conto del
momento di pesante riflusso del movimento, di una data di per sé
difficile pensando al fatto che da anni ormai gli studenti non
scendevano in piazza dopo l’autunno, il corteo è stato un successo per
il fatto stesso di essere riuscito a riportare la lotta nelle strade e,
nonostante il numero modesto, a compiere un importante azione di
riappropriazione come l’occupazione della palestra del Castelnuovo.

… LA RICRE/AZIONE E’ APPENA INIZIATA!

di seguito il comunicato degli occupanti:

OCCUPARE E’ GIUSTO

LOTTARE E’ NECESSARIO!

Oggi venerdì 20 febbraio, al termine del corteo promosso e partecipato
dalle realtà studentesche autorganizzate di tutta la Toscana, gli
studenti hanno deciso di occupare il liceo Castelnuovo di Firenze.
L’occupazione nasce dall’esigenza primaria di liberare uno spazio in
cui ospitare un Assemblea Regionale del movimento studentesco Toscano,
continuando così il percorso di lotta in cui si sono riconosciuti gli
studenti scesi in piazza stamattina, e rilanciando le mobilitazione
dell’autunno scorso.
Con quest’occupazione vogliamo:

Rivendicare il diritto da parte degli studenti e delle studentesse di
auto-gestire la propria scuola, rippropriandosene direttamente e senza
compromessi;
Manifestare la nostra opposizione a tutte le riforme della scuola e
dell’università che si inseriscono in un percorso che va avanti da anni
portando avanti mercificazione della cultura e privatizzazione
dell’istruzione;
Resistere ad ogni processo reazionario e repressivo nelle nostre
scuole, in cui cinque in condotta, videosorveglianza, controllo
elettronico del "rendimento" ed SMS spia stanno andando ad aggravare
sempre ulteriormente il clima oppressivo che già da prima noi studenti
eravano costretti a subire;
Continuare la nostra lotta per una scuola autogestita e libera da ogni
asservimento alle logiche del mercato, che abbandoni il proprio ruolo
di fabbrica di lavoratori obbedienti del domani, e torni ad essere un
luogo di elaborazione e diffusione gratuita di conoscenze.

Nell’ora successiva all’occupazione la celere si è schierata nelle
vicinanze del liceo, mentre tutt’ora la digos continua ad essere
presente. Si fa appello a tutti i compagni a recarsi sul posto e
sostenere l’occupazione.

Assemblea riunitasi al Castelnuovo Occupato il 20 febbraio 2009


Related Link: http://retecollettivi.noblogs.org/

 
 
 
 
 
 
 
 

Posted in Generale, Iniziative, Lavoro, Scuola/Università.

Tagged with , , , , , , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.