Skip to content


Così fan tutti – Donne e notizie

da:Umanità Nova, settimanale anarchico, n.26
del 5 luglio 2009,
anno 89

 

Alcuni giorni fa a Milano, Monica, una donna di 33 anni viene uccisa dal marito davanti all’asilo della figlia.
Qualche giorno prima una prostituta romena era stata caricata sull’auto
di servizio da due finanzieri in divisa e costretta, contro la sua
volontà, a un rapporto sessuale. In entrambi i casi gli uomini
sono giovani e italiani. Cose di poco conto, poche righe sui giornali
che la dicono lunga sulla differenza tra donne e donne e tra uomini e
uomini. Della donna romena non si dice neppure il nome, quella italiana
scompare il secondo giorno. E se gli aguzzini non fossero stati
italiani?
La frequenza altissima di omicidi familiari e di maltrattamenti, la
mercificazione del corpo delle donne che viene contrabbandata per
emancipazione, l’insignificanza o la subalternità della donna
nella vita politica (e il fatto che i due partiti vincenti delle ultime
elezioni – Lega e Idv – siano proprio quelli più maschilisti
dovrebbe far riflettere) descrive bene quanto il "nostro" paese sia
"progredito e democratico".
Da noi fa certo notizia il furto operato da un immigrato: l’omicidio di
una donna per mano del marito italiano fa un po’ meno notizia e le
"ronde" non sono certo state pensate per entrare nelle case, anche se
lì si consuma il maggior numero di violenze.
Il nostro "paese civile" vede nel diverso, sia esso donna o straniero,
l’essere inferiore cui addossare le colpe, su cui riversare il proprio
malessere o la propria aggressività. Ma se alcune donne non
fanno notizia, altre invece sì: ad esempio fanno notizia le
escort di Berlusconi, ed anche in questo caso non per ciò che
esse sono, ma in rapporto a un maschio. Perché, per loro, la
donna ha valore solo in rapporto ad un uomo.
C’è sicuramente ipocrisia in questo scandalizzarsi per i
comportamenti maschilisti del primo ministro. In fin dei conti fa
quello che fanno tutti: utilizza le donne belle, per divertirsi e far
divertire. Anzi: compensarle con qualche carica istituzionale in fondo
è un riconoscimento inusuale di cittadinanza e
rispettabilità. Ed è anche una affermazione  di che
cosa siano le cariche politiche: solo merce.
Il corpo delle donne appartiene a padri, mariti, fratelli: esso
è sempre stato disciplinato per legge, dentro e fuori le mura
domestiche (la legge sulla procreazione assistita è uno dei
migliori esempi, anche se molti sembrano averla scordata ). Proprio
come una volta le figlie venivano date in matrimonio per saldare
alleanze tra clan, oggi i corpi di donne diventano utili per ricatti
tra protagonisti maschi, mezzo per relazioni di potere puramente
maschili.
Eppure le donne hanno altro da dire: quando hanno preso la parola per
smascherare un potere che passa attraverso i corpi e le esperienze
più profonde delle persone, gli uomini hanno chiuso gli occhi
per non vedere e  le orecchie per non sentire. Oggi la parola
femminismo sembra passata di moda, anche se i cambiamenti avvenuti nel
rapporto tra donne e uomini sono visibili a tutti.
Ma è proprio la libertà che abbiamo affermato negli anni,
ribaltando le regole morali e le categorie concettuali che oggi fa
ancora paura e che dobbiamo con forza riproporre.

R.P.

Posted in Antisessismo.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.