Skip to content


FEDERMECCANICA ALL’ATTACCO: DISDETTO UNILATERALMENTE IL CONTRATTO COLLETTIVO METALMECCANICI

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/economia/2010/09/07/visualizza_new.html_1786102675.html

(ANSA)MILANO – Il direttivo di Federmeccanica ha dato mandato al presidente Pierluigi Ceccardi di comunicare fin d’ora il recesso dal contratto nazionale siglato il 20 gennaio 2008.

La disdetta dell’accordo come ha spiegato lo stesso presidente Pierluigi Ceccardi, è avvenuta “a fronte delle minacciate azioni giudiziarie della Fiom relative all’applicazione di tale accordo” ed è comunicata “in via meramente tecnica e cautelativa allo scopo di garantire la migliore tutela delle aziende”. La disdetta avviene a far data dal primo gennaio 2012.

LANDINI, DECISIONE IMPRESE IRRESPONSABILE –“Una decisione grave e irresponsabile”. Così il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini, commenta la decisione di Federmeccanica di comunicare il recesso dal contratto nazionale siglato il 20 gennaio del 2008. “E’ uno strappo – osserva – alle regole democratiche del nostro Paese, in quanto si pensa di concordare con sindacati minoritari la cancellazione del contratto nazionale impedendo ai lavoratori metalmeccanici di poter decidere sul loro contratto”. Domani nella riunione del comitato centrale della Fiom “prenderemo tutte le decisioni più opportune”, aggiunge Landini.

“Le regole sulla rappresentanza andrebbero rispettate adesso perché c’é un contratto nazionale del 2008 firmato da tutti e approvato con referendum dai lavoratori metalmeccanici”, afferma il segretario generale della Fiom commentando l’invito di Federmeccanica a regolamentare il sistema di rappresentanza. “Quel contratto – aggiunge – rimane in vigore, altri sono illegittimi e non sono mai stati sottoposti ad alcuna verifica democratica con i lavoratori direttamente interessati. La democrazia bisognerebbe praticarla sin da ora”. Quanto all’incontro del 15 settembre, Landini spiega che “la Fiom non parteciperà a tavoli che cancellano il contratto nazionale. Non partecipiamo perché non sono trattative ma semplicemente dettature della Fiat”.

FEDERMECCANICA, NUOVE REGOLE PER RAPPRESENTANZA – Il consiglio direttivo di Federmeccanica ritiene “urgente una regolamentazione condivisa del sistema di rappresentanza, sulla cui necessità esiste generale consenso e disponibilità dichiarata dalle parti”. E’ quanto ha detto il presidente Pierluigi Ceccardi a seguito dell’incontro che si è tenuto oggi a Milano, spiegando che tale regolamentazione è prevista dall’accordo interconfederale del 15 aprile 2009, non sottoscritto dalla Cgil”. Alla domanda se l’auspicio è che anche l’organizzazione guidata da Guglielmo Epifani possa sedersi al tavolo, Ceccardi ha replicato: “assolutamente sì, l’auspicio è che le confederazioni attivino al più presto un tavolo per regolamentare la materia per via pattizia”. Secondo il presidente di Federmeccanica “dobbiamo cambiare le relazioni sindacali, le aziende non sono più governabili se cinque persone che scioperano fanno chiudere uno stabilimento di 500, questa non è democrazia, è prevaricazione”.

Posted in Lavoro.

Tagged with .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.