Skip to content


Ancora morti alle Sughere: ucciso giovane di 28 anni

da senza soste.it

Il carcere della morte continua a mietere vittime. E’ morto ieri pomeriggio Yuri Attinà, giovane livornese residente nel quartiere Shangay e molto conosciuto in città.

Motivo ufficiale del decesso è l’infarto ma gli stessi inquirenti stanno indagando con “estremo riserbo” su ciò che è accaduto all’interno del carcere delle Sughere nella giornata di ieri. Anche perchè l’infarto e la giovane età non possono che rimandare alla morte di Marcello Lonzi e a tutte le varie omissioni e “deviazioni” d’indagine che furono messe in atto proprio nelle prime ore della morte tanto che i familiari furono avvertiti solo dopo un giorno.

Qualunque sia il motivo della sua morte deve essere chiaro che si tratta dell’ennesimo omicidio di Stato all’interno del “Gulag  Sughere” (così Il Tirreno lo scorso marzo definì il carcere dei 20 morti in 10 anni, 2 l’anno), un carcere che ha sempre goduto dell’omertà delle istituzioni locali e di una certa extraterritorialità visto che la città di Livorno ha sempre vissuto questo luogo come qualcosa di lontano.

Solo il caso Lonzi e le conseguenti iniziative in città culminate nella grande manifestazione di un anno fa contro gli omicidi di stato hanno risvegliato un’attenzione verso questa piaga cittadina. Ma oggi siamo qui a commentare un nuovo decesso, di un ragazzo di appena 28 anni ucciso nel carcere delle Sughere.

Conoscevamo Yuri, così come era ben conosciuto in città per i suoi tanti anni trascorsi allo stadio e perchè fino a pochi mesi fa era ogni sera in giro per La Venezia a frequentare i principali luoghi di ritrovo e cercare un contatto i ragazzi della sua età.

Ora la città deve pretendere la VERITA’ e deve iniziare a interrogarsi se quel carcere della morte è un corpo estraneo al territorio da trattare con indifferenza oppure è una piaga da affrontare.

Infine una parola sul Garante dei Detenuti Marco Solimano. Da quando è diventato garante, non senza polemiche a nostro avviso inutili e sterili da destra e anche qualche malumore da sinistra, non lo abbiamo mai letto sulla stampa cittadina. Tuttavia il carcere della morte continua ad essere sovraffollato e le condizioni di vita sono al limite della sopportazione. Se la sua figura serve a qualcosa questo è il momento di dimostrarlo, a tutta la cittadinanza. Sennò è meglio asservarsi i soldi per pagare il funerale al prossimo morto.

red. 6 gennaio 2010

Posted in Carcere, Generale.

Tagged with , , , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.