Skip to content


Contro ogni fascismo

Ieri, 15 marzo, si è svolto a Livorno un incontro “pubblico” tra il sindaco di Verona Flavio Tosi e quello di Livorno Alessandro Cosimi a proposito di sicurezza e viabilità.

L’incontro si è svolto in una città blindata, con oltre un centinaio di agenti e numerose camionette.

Saputo all’ultimo dell’iniziativa, alcuni antifascisti ed antirazzisti livornesi sono comunque scesi in piazza, come sempre contro ogni fascismo, contro ogni razzismo, per la ripresa delle lotte.

Questo il volantino distribuito:

COME I TARPONI. IL FASCISTA TOSI VIENE A LIVORNO

Oggi il sindaco Cosimi incontra il sindaco di Verona Tosi nel Palazzo della Provincia.

Flavio Tosi, è uno degli esponenti leghisti più legati alla destra neofascista e al tradizionalismo cattolico. Tosi è il sindaco che andò a trovare in carcere i fascisti che nel 2008 avevano assassinato Nicola Tommasoli, giovane veronese, colpevole di non aver loro offerto una sigaretta. Tosi è stato condannato per propaganda di idee razziste e per questo non può partecipare a manifestazioni pubbliche. Tosi partecipò nel 2005 ad una processione contro gli omosessuali. Tosi è anche quello che mise lo scorso anno un fascista a dirigere l’Istituto Storico della Resistenza e che fece la propaganda elettorale con i tifosi della curva dell’Hellas e con Fiamma Tricolore. Ci limitiamo a questo, ma ci sarebbe ancora molto da dire su questo personaggio.

L’incontro previsto per oggi alle 18 dovrebbe essere un momento di confronto sulle politiche delle amministrazioni in merito a sicurezza e viabilità. Non stupisce che un sindaco PD come il Cosimi, si incontri con uno dei modelli di sindaco sceriffo come Tosi che ha portato avanti a Verona provvedimenti razzisti e di negazione di ogni libertà. In molte città infatti Lega e PD vanno sempre più a braccetto nelle politiche “per la sicurezza”, politiche razziste e di militarizzazione del territorio.

Il problema quindi non è Tosi, il problema sta nel tentativo di deviare ogni malcontento popolare con la paura del diverso, con la paura dello straniero. E’ il campo del delirio securitario quello sul quale si svolge l’incontro di oggi tra Cosimi e Tosi. Il campo in cui si decide come scaricare paura e violenza sui migranti, sui lavoratori, sui precari, su chi è sfruttato, in modo da disinnescare ogni conflitto sociale.

Questo incontro avrebbe dovuto svolgersi inizialmente il 28 gennaio, in seguito alla mobilitazione degli antifascisti livornesi l’incontro venne annullato. Oggi, alla zitta e senza pubblicità, di nascosto come i tarponi, si terrà l’incontro. Sono costretti a organizzare le cose in questo modo, con un esagerato spiegamento di forze, per gestire un semplice incontro tra due sindaci.

Nonostante la notizia dell’incontro sia giunta oggi all’improvviso, noi siamo comunque in piazza, come sempre, come lo saremo anche domani quando Tosi se ne sarà andato.

 

SEMPRE IN PIAZZA

CONTRO OGNI RAZZISMO

CONTRO OGNI FASCISMO

PER LA RIPRESA DELLE LOTTE

 

Livorno Antifascista e Antirazzista

Posted in Antifascismo, Antirazzismo, Antisessismo, Generale, Iniziative, Repressione.

Tagged with , , , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.