Skip to content


La guerra in Libia

 

da peacereporter.net

 

Attacco francese, si combatte a Bengasi e Misurata. Ormai è guerra senza quartiere

Una colonna di carri armati, per iniziare. Questo il primo obiettivo colpito dai caccia bombardieri francesi, che sono arrivati sulla Libia qualche minuto dopo la fine della riunione a Parigi tra la nuova coalizione dei volenterosi. Poi la pioggia di razzi su Tripoli, sparati dalle navi della marina Usa.

A Bengasi si combatte con le truppe lealiste in città, almeno trenta morti. Civili in fuga verso l’Egitto. Almeno questo dice al-Jazeera, alla quale andrà dedicata un’analisi a parte, alla fine di questa rivoluzione nel mondo arabo. Al-Jazeera dice, tutti riprendono. Il caccia abbattuto sui cieli di Bengasi, in poche ore, è diventato un velivolo mal manovrato dai ribelli e non un caccia di Gheddafi. Per ore, però, tutti l’hanno raccontata così. Al-Jazeera dice, tutti ripetono. L’Europa si lancia in guerra, come avviene sempre più spesso dopo la caduta del muro di Berlino.

No fly zone, si dice. Quindi rendere inefficaci i caccia bombardieri libici, ma anche – come visto – colpire i mezzi a terra. E quindi rendere inoffensivi anche eventualmente le strutture militari di Gheddafi, che in parole povere significa bombardare Tripoli. Dopo? Nessuno lo dice, tutti spergiurano che mai si entrerà via terra, mentre Gheddafi prende sempre più la cera di un grottesco Nerone e minaccia tutti.

Questa giornata di guerra ci restituisce un protagonista, anzi due. Il presidente Nicholas Sarkozy e la repubblica francese. Dopo la vergogna di aver offerto, ancora a poche ore prima che Ben Alì scappasse all’estero, le loro truppe speciali per sedare la rivolta. Anche trecento tunisini erano stati massacrati, ma l’Eliseo pensava a tener salda una dittatura amica. Con Gheddafi no, bisognava rilanciare l’immagine di Parigi e di Sarkozy. Nell’imbarazzo cronico degli italiani, che potrebbero trovarsi bersaglio di armi che loro stessi hanno regalato a Gheddafi neanche un paio di anni fa.

Sarà ancora una volta una scelta selettiva, che nessuno sentirà il bisogno si spiegare. Perché, a Manama, in Bahrein, le truppe saudite marciano per tenere saldo il trono di un emiro che massacra gli sciiti? perché a Sana’a, in Yemen, nessuno ritiene di dover fermare il presidente Saleh che manda i corpi speciali contro gli studenti? Troppe domande, non si sentono risposte, mentre Sarkozy fissa la camera con il suo stile aggressivo e chiede a francesi e cittadini di tutto il mondo come potrebbe l’Europa girarsi dall’altra parte?

Bengasi terrà, a questo punto. La guerra diventerà uno stillicidio, se non ci sarà una nuova risoluzione per truppe di terra. La cosa si complica enormemente. Una situazione imbarazzante, ottenuta ad hoc però. Lasciando che Gheddafi riconquistasse campo, città dopo città. In modo che l’aspetto emotivo fosse troppo forte e non puzzasse di Iraq e di petrolio.

Adesso comincia la terza fase di questa crisi. Prima la rivolta, senza un sostegno evidente. Poi la riscossa di Gheddafi, senza un sostegno ai ribelli, né evidente né nascosta. Adesso ‘arrivano i nostri’, dopo un mese di attesa e dopo sette anni – dal 2003 – di criminale complicità con Gheddafi. E domani si sentirà chiedere: “Cosa diranno i pacifisti?”, come se la colpa fosse degli unici che dal 2003 – e da sempre – denunciavano i crimini di Gheddafi e di coloro, anche più colpevoli di lui, che lo trattavano da statista.

Christian Elia

Posted in Antimilitarismo, Generale, Internazionale.

Tagged with , , , , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.