Skip to content


Aggiornamento dalla Turchia: Corrispondenza da Istanbul

Continua la rivolta in Turchia in solidarietà con la resistenza di 
Kobane. Da ieri sono circa 14 finora i morti registrati nelle piazze. 
Gli scontri sono proseguiti nella notte in molte città. In 6 distretti
è stato imposto il coprifuoco e l'esercito è nelle strade a supporto 
della polizia. Anche stamani manifestazioni in diverse città, ancora 
scontri a Istanbul dove la polizia continua ad intervenire con violenza 
inaudita nella zona di Istiklal. 
Her yer Kobane, her yer direniş!

Pubblichiamo la seguente corrispondenza da Istanbul ricevuta stanotte

Da Istanbul
07/10/14


I movimenti che sostengono la resistenza curda e la rivolta sociale in
tutta la Turchia, si sono dati appuntamento al liceo Galatasaray 
alle 20.00.
La polizia in assetto antisommossa con la presenza di tre toma si è 
schierata sin da subito di fronte ai manifestanti impedendo il 
passaggio. Dall'altra parte gruppi di persone che erano di passaggio 
da Istiklal hanno formato una sorta di cordone in segno di solidarietà
agli altri manifestanti, scandendo slogan contro l'AKP e per la
Resistenza a Rojava. Sono state molte le persone che si sono fermate,
formando un altro piccolo presidio che ha circondato la polizia. 
Dopo tale atto, gli agenti, si sono presentati davanti ai manifestanti
allontanandoli in mal modo. Alcuni poliziotti hanno cominciato a 
battere i manganelli sulle serrande dei negozi, avanzando lentamente 
e con fare minaccioso verso i solidali. A quel punto il gruppo di 
manifestanti dei movimenti curdi e non ha tentato l'accesso verso la 
seconda parte di Istiklal e la polizia ha subito attaccato 
pesantemente i presenti sparando più di dieci lacrimogeni ed 
utillizzando i Toma. Da qua sono cominciati gli scontri. 
La polizia ha rincorso i solidali ed i manifestanti su ambo i lati, 
circondando le vie laterali per non fare scappare i presenti. 
Dal Liceo di Galatasaray sino a Tunel (la fine di Istiklal) hanno fatto
ricorso a lacrimogeni e sparato con gli idranti. 
A metà strada tra Istiklal e Tunel, un gruppo di manifestanti ha 
risposto al fuoco lasciando indietreggiare la polizia di qualche metro,
sino a che, grazie ad ingenti rinforzi giunti da Taksim, c'è stata una 
delle cariche più pesanti, che non ha dato scampo a molti presenti. 
Dalle finestre delle case su Istiklal, molte persone hanno scandito 
slogan per la resistenza in Rojava. Attualmente gli scontri a Istiklal 
sono conclusi, ma nella parte asiatica di Istanbul (Kadikoy) giungono 
voci di continui ed interrotti scontri. Intanto a Mardin il PKK ha 
dato fuoco ad una postazione scolastica del governo, avvertendo che 
questa non sarà la prima azione ed ultima azione. 
In tutto il Kurdistan si svolgono enormi manifestazioni con scontri 
pesantissimi che hanno lasciato sul terreno, sino ad adesso, sette 
morti. Sono molte le persone ed i compagni che mi hanno dichiarato 
che attualmente si tratta di guerra.
Domani ritorno a Kadikoy per osservare la situazione per poi 
ristabilirmi in zona Istilkal dove è previsto un nuovo presidio 
per tutta la notte.

BIJI ROJAVA!
DAYANISMA KOBANI!

Posted in Generale, Internazionale, Repressione.

Tagged with , , , , , , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.