Skip to content


SABATO 19 PRESIDIO ANTIRAZZISTA

SABATO 19 FEBBRAIO

ORE 17 PIAZZA GRANDE (angolo via pieroni)

PRESIDIO ANTIRAZZISTA

CONTRO LA CAMPAGNA RAZZISTA DEL GOVERNO

Decine di morti in mare, dispersi, centinaia di persone trattenute con la forza a Lampedusa, molte già imprigionate nei Centri di Identificazione ed Espulsione o nei Centri per richiedenti asilo. Un finanziere italiano apre il fuoco su un’imbarcazione carica di gente, sfiorando la strage.

Questo è il bilancio di poche settimane di sbarchi a Lampedusa. Circa cinquemila persone, soprattutto di origine tunisina, hanno raggiunto le coste di Lampedusa e della Sicilia.

Il ministro dell’interno Maroni ha subito dato il via alla campagna razzista, lanciando un inesistente allarme “invasione” dalle coste di Tunisia ed Egitto, dove nell’ultimo mese le rivolte hanno fatto cadere i governi dittatoriali in carica.

Quando in un paese avviene un radicale sconvolgimento politico, è normale che si sviluppino dei fenomeni migratori. Ci possono essere profughi, rifugiati politici, persone che cercano una vita migliore. Qui non ci troviamo di fronte all’ ”esodo biblico” di cui parla il governo.

Se pensiamo che nel 2008 le donne e gli uomini sbarcati in Sicilia furono oltre 34000, questi cinquemila non rappresentano certo una “invasione”.

E’ con questa campagna razzista che il governo alimenta la paura. Maroni rilancia la sua guerra e propone addirittura di inviare un contingente italiano in Tunisia per bloccare le partenze.

Intanto viene riaperto il C.I.E. di Lampedusa, mentre altre strutture di “accoglienza” vengono improvvisate.

I primi arrivati vengono smistati nei vari Centri di Espulsione esistenti. La propaganda parla di accoglienza, ma nel C.I.E. di Torino scatta lo sciopero della fame ed a Gradisca d’Isonzo scoppia una vera e propria rivolta.

Nel canale di Sicilia, dopo le decine di morti e le imbarcazioni disperse, al posto dei soccorsi arriva FRONTEX, l’agenzia europea per la sorveglianza delle frontiere, una vera e propria polizia europea con il ruolo di contrasto dell’immigrazione.

In questo momento è necessario rompere il muro della propaganda razzista del governo.

Affermare la libertà di circolazione delle donne e degli uomini, opporsi a tutti i Centri di Espulsione, veri e propri lager e strumenti di ricatto ed oppressione.

CHIUDERE TUTTI I CENTRI DI ESPULSIONE

Assemblea contro i Centri di Espulsione – Livorno

Posted in Antirazzismo, Antisessismo, Carcere, Generale, Iniziative, Internazionale, Lavoro.

Tagged with , , , , , , , , , , , , , .


One Response

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

  1. mara says

    sui social network si è parlato molto della manifestazione in marocco, ma la cosa che ha sconvolto di più è il video youtube di human slaves che è stato postato nella pagina di facebook del “Mouvement du 20 Février – Maroc” che sembrerebbe, secondo alcuni, che grazie a questo video il popolo del marocco abbia letto tra le sue righe il motivo di non creare disguidi popolari e di agire in modo pacifico, spiegando le cause che avrebbero portato alla distruzione del marocco se si fosse svolta una manifestazione non pacifica. Ultimamente però è uscito un suo nuovo video intitolato “la terza guerra mondiale” dove spiega i problemi odierni dell’ europa citando anche la nostra nazione.Questa organizzazione è spuntata dal nulla, ma devo dire che alcune cose le condivido anche io.Comunque è bello sapere che cè ancora della gente con dei sani principi.
    link: http://www.youtube.com/watch?v=UbErEF-1LTM



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.