Skip to content


Volantino astensionista

ecco il testo del volantino (due facciate) distribuito in questi giorni

NON VOTARE

NON PARTECIPARE ALLA TUA OPPRESSIONE

La sfiducia nei confronti delle istituzioni e dei partiti sta crescendo sempre di più. I governi che si sono susseguiti, lo Stato ed i suoi apparati mostrano il loro vero volto corrotto, oppressivo e repressivo, sostenendo senza mezzi termini gli interessi padronali e difendendo i privilegi di chiesa, militari e caste varie, gettando la maggior parte della popolazione nella miseria.

Sempre a caccia di poltrone

In tempo elettorale questa sfiducia si manifesta in un aumento dell’astensionismo, ma c’è anche chi sfrutta quella che dai media è definita “antipolitica” per candidarsi proponendo improbabili “rinnovamenti” e “pulizie” del parlamento, governi formati da “gente comune”. Questi sono solo i vecchi trucchi di chi sgomita per conquistare una poltrona in periodi di crisi politica.

Pensare di cambiare qualcosa andando a votare è solo un’illusione.

Nessuna conquista popolare, nessun reale cambiamento sociale può

passare attraverso il voto, attraverso l’azione di un governo.

Lo Stato è il problema

In tutta Europa i governi impongono con la violenza ai lavoratori e alle lavoratrici sempre maggiori sacrifici pergarantire i profitti di pochi. Lo Stato attraverso l’azione del governo deve sempre difendere gli interessi della classedei proprietari per assicurarsi il loro appoggio.

Un rinnovamento dello Stato quindi, un parlamento “pulito” fatto di politici onesti che ci conducano ad una società più giusta non è che una chimera, pura finzione. Questo vale anche per i sedicenti governi rivoluzionari. La storia è piena di governi e burocrazie che “in nome del popolo” hanno bloccato rivoluzioni e fatto arretrare le conquiste dei lavoratori. Ma se non ci bastano gli errori del passato basta guardare sull’altra sponda del Mediterraneo come le rivoluzioni in Tunisia ed in Egitto, dopo la caduta delle vecchie dittature trovino i loro principali nemici nell’esercito e nei nuovi governi che massacrano il popolo e riempono le carceri proprio come quelli precedenti.

Si capisce allora che nello Stato non può esserci soluzione, perché lo Stato è il problema.

Autogestione

Se governi e padroni sono il problema, allora la soluzione siamo noi, uomini e donne che lavorano. Lo stanno capendo in molti ormai. In Grecia i lavoratori non credono più alle promesse e alle belle parole, hanno deciso di organizzarsi dal basso, senza padroni. Sono nate così molte esperienze di autogestione, e proprio in questi giorni sta iniziando a funzionare una fabbrica di materiale edile completamente autogestita dagli operai a Salonicco, un esempio di come siaconcretamente possibile una società libera da padroni e governanti.

Azione diretta

Anche le singole conquiste dei lavoratori, l’affermazione dei diritti, le lotte ambientali non possono essere delegate alla bontà di un governo. Dalla riduzione dell’orario di lavoro alla scala mobile, dall’aborto all’autodeterminazione delle donne, dal nucleare alle lotte contro gli inceneritori, tutte le vittorie sono state raggiunte dai grandi movimenti di lotta.

Sono stati parlamento e governi invece a smantellare alcune di queste conquiste, è nelle istituzioni che si attenta quotidianamente alle nostre libertà. È con l’azione diretta, con la lotta in prima persona, solidale e dal basso, senza capi e burocrazie che si possono ottenere concreti risultati a vantaggio di tutti.

VENERDì 22/02 ORE 18

presso la Federazione Anarchica Livornese

in Via degli Asili 33

ASSEMBLEA-DIBATTITO

su astensionismo e

prospettive di lotta

a seguire: aperitivo, chiacchiere, cibo, musica, libri e giornali

FEDERAZIONE ANARCHICA LIVORNESE – COLLETTIVO ANARCHICO LIBERTARIO

cdcfedanarchicalivornese@virgilio.it – collettivoanarchico@hotmail.it

 

——————————————————————-

 

e se ti venisse voglia di votare….

ricordati:

– DELLA DISOCCUPAZIONE ( 12% dato ufficiale, almeno 20% reale)

– DEL PRECARIATO (8 nuovi contratti su 10)

– DEL LAVORO SOTTOPAGATO

– DELLE TUE DIFFICOLTA’ PER ARRIVARE ALLA FINE DEL MESE (gli

stipendi non recuperano piu’ nemmeno gli aumenti dell’inflazione)

– DELLE DISUGUAGLIANZE SOCIALI CHE AUMENTANO (i salari sono fermi, ma i profitti aumentano :15,5% per tutte le imprese, ma il 63,5% per le grandi imprese, il 90% per le multinazionali)

– DEI TAGLI AI SERVIZI PUBBLICI , ALLA SANITA’ ( 26 miliardi in meno dal 2010 al 2014), ALLA SCUOLA, AL TRASPORTO PUBBLICO, ECC

– DEI SOLDI CHE PER FINANZIARE LE GUERRE NON MANCANO MAI (F35 e spese militari in aumento del 2,7% nel 2013)

– DEI SOLDI PER SOVVENZIONARE LA CHIESA ( alle scuole private, sconti sull’IMU)

– DEI MORTI E DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO

SE TI RICORDI TUTTO QUESTO, SE TI RICORDI CHE DOPO LE PROMESSE ELETTORALI TUTTO TORNA COME PRIMA : I POLITICANTI E I PADRONI COMANDANO E TU TORNI ALLA TUA VITA DI SACRIFICI … ALLORA CONDIVIDERAI L’ASTENSIONISMO ANARCHICO

Che significa RIPRENDERE NELLE PROPRIE MANI I

PROBLEMI che ci riguardano

decidendo e agendo IN PRIMA PERSONA.

venerdì 22/02

dalle ore 18

presso la federazione anarchica livornese in via degli asili 33

assemblea-dibattito

astensione e prospettive di lotta

a seguire: aperitivo, musica, chiacchiere, libri e giornali

FEDERAZIONE ANARCHICA LIVORNESE – COLLETTIVO ANARCHICO LIBERTARIO

cdcfedanarchicalivornese@virgilio.it – collettivoanarchico@hotmail.it

Posted in Anarchismo, Generale, Iniziative.

Tagged with , , , , , , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.